Integrazione di AdFalcon con la mediazione

Questa guida è rivolta ai publisher interessati a utilizzare la mediazione degli annunci per dispositivi mobili di Google con AdFalcon. Spiega in dettaglio la configurazione di un adattatore di mediazione da utilizzare con la tua app per Android corrente e la configurazione di impostazioni aggiuntive.

AdFalcon Risorse
Documentazione
SDK
Adattatore
Assistenza clienti

Prerequisiti

Istruzioni utili

I seguenti articoli del Centro assistenza forniscono informazioni di base sulla mediazione:

Aggiungi AdFalcon al progetto

Includi l'adattatore di rete e l'SDK

Scarica l' AdFalcon SDK e l'adattatore dai link sopra.

In Android Studio, includi i file JAR nella cartella libs del tuo progetto. Assicurati che il file build.gradle includa quanto segue:

implementation fileTree(dir: 'libs', include: ['*.jar'])

Configura il file AndroidManifest.xml

Modifica il file AndroidManifest.xml come indicato nella AdFalcon documentazione.

La tua app non deve chiamare AdFalcon direttamente: l'SDK Google Mobile Ads chiama l' AdFalcon adattatore per recuperare gli annunci per tuo conto. Se non vuoi specificare parametri di richiesta aggiuntivi, hai finito. Il resto di questa pagina descrive come fornire ulteriori informazioni a AdFalcon.

Inizializza l'oggetto annuncio con un'istanza di attività

Nel costruttore di un nuovo oggetto annuncio (ad esempio AdView), devi passare un oggetto di tipo Context. Questo Context viene trasmesso ad altre reti pubblicitarie quando viene usata la mediazione. Alcune reti pubblicitarie richiedono un Context più restrittivo di tipo Activity e potrebbero non essere in grado di pubblicare annunci senza un'istanza Activity. Pertanto, ti consigliamo di trasferire un'istanza Activity all'inizializzazione degli oggetti annuncio per garantire un'esperienza coerente con le reti pubblicitarie con mediazione.