Hai 5 minuti? Aiutaci a migliorare la documentazione di Google Workspace Marketplace partecipando a un breve sondaggio online.

Informazioni sulla revisione delle app

Se vuoi rendere pubblica la tua app, Google deve esaminarla prima di pubblicarla per assicurarsi che rispetti le linee guida relative a design, contenuti e stile di Google.

Dopo che Google avrà esaminato la tua app, riceverai un'email che spiega se ha bisogno di più lavoro o se viene approvata.

  • Se la tua app richiede interventi aggiuntivi: riceverai un documento di recensione con informazioni specifiche su ciò che richiede un miglioramento. Risolvi i problemi e invia nuovamente l'app per la revisione.
  • Se il team di revisione approva la tua app, viene pubblicata automaticamente e riceverai un'email di notifica.

Durata della revisione

La durata della revisione dipende dal numero di app inviate di recente e dal numero di correzioni necessarie per l'app. Non è raro che una revisione richieda diversi giorni.

Motivi comuni per cui la tua app non è pronta

Verifica OAuth

  • La schermata per il consenso OAuth non è configurata correttamente. Ad esempio, il tipo di utente è impostato su Interno o lo stato di pubblicazione è Test.
  • L'app non ha completato la verifica OAuth.

Scheda dell'app

  • Uso inappropriato dei marchi Google nel nome, nel logo o nelle descrizioni delle app. Per istruzioni, consulta le linee guida per il branding di Google Workspace Marketplace.
  • I link non funzionano o rimandano a informazioni errate. Ad esempio, un link alle norme sulla privacy rimanda a una pagina di assistenza per gli sviluppatori.
  • Screenshot e immagini sono di bassa qualità o non rappresentano accuratamente la funzionalità dell'app.

Preparazione dell'app

  • L'app è ancora in fase di test e non è pronta per il pubblico.
  • L'app presenta bug o non è completamente funzionante.

Aree di revisione

Google utilizza le seguenti linee guida per esaminare l'app. Prima di inviarla per la revisione, assicurati che l'app rispetti tutte le linee guida e rispetti le norme del programma Google Workspace Marketplace.

Integrazione app Categoria Criteri
Tutte Nome app
  • Non ci sono altre schede di app con lo stesso nome.
  • Il nome non include un numero di versione.
  • Il nome corrisponde a quello visualizzato nella schermata per il consenso OAuth.
  • Il nome non è vago o troppo generico.
  • Il nome può contenere al massimo 50 caratteri.
  • (Consigliato) Il nome utilizza le iniziali maiuscole.
  • (Consigliato) Il nome non contiene punteggiatura, in particolare parentesi.
Tutte Nome sviluppatore
  • Il nome e il sito web dello sviluppatore rappresentano in modo accurato e diretto le informazioni pertinenti relative allo sviluppatore.
Tutte Descrizione applicazione
  • Tutti i link forniti funzionano e rimandano alle informazioni corrette. Ad esempio, un link alle norme sulla privacy rimanda a una pagina che descrive tali norme.
  • Se l'app interagisce con un servizio di terze parti, la descrizione descrive cosa fa il servizio di terze parti, in che modo interagisce con l'app e, se vuoi, rimanda al sito web pertinente.
  • Le descrizioni brevi e dettagliate sono facili da capire.
  • Le descrizioni brevi e dettagliate non sono identiche.
  • (Consigliato) Le informazioni sui prezzi sono complete e accurate.
  • (Consigliato) L'insieme completo di attributi per lingua (nome, descrizione breve e descrizione dettagliata) è definito correttamente senza corrispondenze errate delle lingue.
Tutte Funzionalità
  • Non sono presenti bug evidenti e tutte le azioni, inclusi i casi limite, sono perfettamente funzionanti. I tempi di caricamento vengono gestiti con indicatori di caricamento.
  • L'app dimostra interazioni chiare con le API di Google.
  • L'app fornisce una funzionalità nuova o estesa non equivalente a quella già inclusa nei prodotti Google.
  • L'app non è destinata a scopi pubblicitari o di spam.
  • L'app è completamente funzionale e non è destinata ai test e non è un lavoro in corso.
  • Se l'app interagisce con funzionalità disponibili per gli utenti o per gli utenti paganti, viene fornito un account di prova sul sistema dello sviluppatore per il team di revisione di Google.
Tutte Esperienza utente
  • L'app, incluso il suo nome, non utilizza le risorse del brand Google, i marchi o i contenuti brandizzati di Google. Consulta le linee guida per il branding di Google Workspace Marketplace.
  • Autorizzazione e accesso sono richiesti una sola volta. L'app utilizza SSO con un solo clic o, idealmente, zero-click.
  • Quando un amministratore concede le autorizzazioni per gli ambiti Oauth 2.0 per il dominio, le singole autorizzazioni non vengono più richieste ai singoli utenti.
  • Gli utenti non devono inserire le credenziali dopo aver eseguito l'accesso al proprio Account Google. Deve fare clic al massimo sul pulsante "Accedi con Google" per ottenere l'accesso.
  • Esistono termini coerenti, evidenti e comprensibili per etichette dei pulsanti, voci di menu, titoli e così via. Ad esempio, al posto di Sì o No, le etichette si riferiscono a nomi di azioni come Elimina e Annulla.
  • Se è richiesto l'accesso, la funzionalità di disconnessione funziona correttamente. I token sono revocati e l'accesso può ricominciare dall'inizio.
  • Il feedback viene sempre visualizzato, come i messaggi di conferma o di errore, per le azioni.
  • Non ci sono link immagine inaccessibili o immagini sfocate.
Tutte Elementi grafici
  • Le icone hanno dimensioni adeguate, immagini quadrate e sfondi trasparenti. Consulta Risorse grafiche.
  • L'icona rappresenta correttamente il nome o la funzionalità dell'app.
  • L'icona è a colori (non in scala di grigi).
  • L'icona non usa i marchi di Google.
  • Screenshot e immagini non sono sfocati, difficili da leggere o inappropriati. Rappresentano accuratamente l'app.
  • (Consigliato) Gli screenshot mostrano chiaramente come utilizzare l'app e la sua funzione.
Tutte OAuth
  • L'app ha superato la verifica OAuth, utilizza gli ambiti OAuth più ristretti possibili e tutti gli ambiti si integrano correttamente con le API dei servizi Google.
App Google Chat Nome
  • I pulsanti per comunicare con l'app sono disponibili nella descrizione.
  • Il nome dell'app inizia con A-Z (lettere maiuscole) o 0-9. Non può iniziare con un simbolo.
App Google Chat Esperienza utente
  • L'app invia un messaggio di benvenuto non inviato ogni volta che un utente inizia un messaggio diretto o viene aggiunta a uno spazio. Il messaggio di benvenuto è diverso dal comando "Guida". Per maggiori informazioni su come creare un messaggio di benvenuto, consulta Creare app di chat che siano utili e apprezzano gli utenti.
  • L'app supporta il comando "Guida" e aiuta gli utenti a iniziare a utilizzarla. Per ulteriori informazioni su come creare un buon messaggio di assistenza, consulta la sezione Creare app di chat che aiutano e intrattengono gli utenti.
  • L'app risponde sempre quando viene parlata in uno spazio o in una chat diretta.
  • I messaggi utilizzano ortografia, lettere maiuscole, punteggiatura e grammatica corrette, ma non contengono materiale dannoso, offensivo o offensivo.
  • I messaggi utilizzano una formattazione chiara, concisa e coerente per il testo o le schede in base ai requisiti di Google.
  • Se la risposta richiede più di 2 secondi, l'app invia un messaggio che spiega il ritardo.
  • Le app che inviano notifiche consentono agli utenti di disattivarle.
  • Gli utenti possono aggiungere l'app a uno spazio utilizzando @menzione.
  • Gli utenti possono rimuovere l'app da uno spazio utilizzando il menu Visualizza membro.
  • L'app indica all'utente tutto il necessario per interagire.
  • I formati delle schede utilizzati dall'app soddisfano i requisiti di Google. Consulta Creare schede interattive.
  • L'app è disponibile dall'opzione Trova app nel menu Chat.
  • Gli URL esterni con cui interagisce l'app non appartengono a un ambiente temporaneo o di sviluppo.
  • La @menzione è obbligatoria in ogni messaggio inviato all'app negli spazi. È l'unico modo in cui l'app sa che deve rispondere.
App Google Chat Elementi grafici
  • L'app ha un avatar chiaro e riconoscibile.
App Google Chat Anteprime link
  • L'anteprima dei link offre informazioni supplementari pertinenti al messaggio dell'utente. Ad esempio, l'anteprima di un link a un deal di vendita aggiunge informazioni come account, importo e fase.
  • Lo sviluppatore è affiliato al dominio visualizzato in anteprima.

Per saperne di più sulla configurazione dell'anteprima dei link, consulta Anteprima dei link.

App Google Drive Funzionalità
  • L'app non utilizza estensioni di Google Chrome per fornire la funzionalità modificando direttamente l'HTML di Drive.
  • Se la tua app usa ambiti sensibili o con restrizioni, deve essere sottoposta alla verifica OAuth. Consulta la sezione Come posso richiedere la verifica.
  • Se la tua app utilizza ambiti con restrizioni, deve essere sottoposta a un test di sicurezza. Consulta la sezione Perché è necessaria la valutazione della sicurezza.
App Google Drive Esperienza utente
  • Se l'app archivia i file su Drive, consente agli utenti di scegliere una cartella o di creare e riutilizzare una cartella specifica dell'app. I dati di configurazione possono essere archiviati in una cartella Dati dell'app. L'app non scarica i file nella cartella Il mio Drive dell'utente.
  • L'app archivia solo i file di Drive collegati alla funzionalità documentata dell'app.
Componente aggiuntivo Editor Funzionalità
  • Le azioni previste e obbligatorie sono incluse nel componente aggiuntivo e forniscono tutti gli strumenti necessari per completare il suo flusso di lavoro. Ad esempio:
    • Se il componente aggiuntivo applica uno stile all'intero documento, offre la possibilità di applicare lo stile solo al testo selezionato.
    • Se il componente aggiuntivo carica i dati del foglio di lavoro in un feed del servizio web, include un link a tale feed per una facile navigazione.
    • Se il componente aggiuntivo richiede all'utente di avere un account, fornisce link o informazioni per crearne facilmente uno se non ne ha già uno.
  • Il componente aggiuntivo ha alcune voci di menu nella scheda Componenti aggiuntivi.
  • Anche se il componente aggiuntivo è solo funzioni personalizzate, include comunque la documentazione appropriata.
  • Il componente aggiuntivo utilizza correttamente onInstall() e onOpen() per completare il menu. Le voci di menu vengono compilate quando il componente aggiuntivo viene installato per la prima volta e quando viene aperto un file diverso. Vedi Autorizzazione del componente aggiuntivo Editor.
  • Le modalità di autorizzazione sono impostate correttamente. Vedi Modalità di autorizzazione.
Componente aggiuntivo Editor Esperienza utente
  • Il componente aggiuntivo fornisce tutte le informazioni necessarie per conoscere il prodotto in modo di base e come utilizzarlo.
  • Il codice del componente aggiuntivo non utilizza eccessivamente le librerie perché questo potrebbe comportare la perdita di prestazioni.
  • Se possibile, gli errori vengono evitati e gestiti correttamente; in caso contrario:
    • I messaggi di errore vengono visualizzati in una finestra di dialogo, non in un avviso JavaScript o nella barra rossa predefinita. Comunicano il problema e descrivono cosa deve fare l'utente per risolverlo in un linguaggio semplice.
    • Se possibile, se l'utente fa qualcosa di errato, viene visualizzato un pulsante che risolve il problema.
    • Per ulteriori informazioni, consulta la guida di stile dei componenti aggiuntivi.
  • I link a pagine esterne si aprono in nuove finestre e sono corretti.
  • Il componente aggiuntivo è intuitivo e ben progettato. Ciò significa che:
    • È sempre chiaro cosa fare e come farlo.
    • Il componente aggiuntivo è accessibile e facile da capire. Evita termini tecnici e tecnicismi.
    • I flussi di lavoro sono chiari e facilitati il più possibile.
    • L'utente e i suoi contenuti sono il più sicuri possibile.
  • Il componente aggiuntivo segue la guida di stile per i componenti aggiuntivi dell'editor e utilizza il pacchetto CSS per i componenti aggiuntivi dell'editor.
  • Il componente aggiuntivo utilizza una sola azione principale blu per display.
  • Il componente aggiuntivo mostra una finestra di dialogo alla volta. Non si sovrappone o non ha più finestre di dialogo aperte contemporaneamente.
  • L'UI del componente aggiuntivo si adatta perfettamente agli spazi assegnati:
    • Il testo e le etichette non vengono troncati con "..".
    • L'utente non deve scorrere molto in verticale.
    • La larghezza dei contenuti non si estende oltre 300p in modo che non sia presente una barra di scorrimento orizzontale.
  • Il componente aggiuntivo richiede la conferma o mostra avvisi per tutte le azioni sensibili. Ad esempio, se il componente aggiuntivo sta per sovrascrivere tutti i contenuti di un foglio di lavoro, l'utente viene avvisato e conferma l'azione prima che si verifichi.
    • Le modifiche al design consentono di eliminare problemi come questi. Ad esempio, un componente aggiuntivo di Fogli Google che importa i dati crea il rischio di sovrascrivere i contenuti esistenti. Il rischio può essere del tutto rimosso creando un foglio per i dati come azione predefinita.
  • Gli utenti non possono attivare le azioni più volte durante il caricamento di un'azione. Ad esempio, i pulsanti sono disattivati o nascosti durante il caricamento di un'azione.
Componente aggiuntivo di Google Workspace Nome (Componenti aggiuntivi di Calendar)
  • Se il componente aggiuntivo utilizza calendar.name o common.name, il nome nel file manifest è identico a quello fornito nella scheda dell'app.
  • Se il componente aggiuntivo utilizza calendar.conferenceSolution, il nome della soluzione di conferenza non contiene "Google Calendar".
  • (Consigliato) Se il componente aggiuntivo utilizza calendar.conferenceSolution, il nome della soluzione di conferenza non supera i 30 caratteri.
Componente aggiuntivo di Google Workspace Funzionalità
  • Il componente aggiuntivo utilizza i widget corretti per la funzionalità desiderata. Ad esempio, utilizza un sensore per selezionare un valore booleano.
  • (Componenti aggiuntivi di Calendar)
    • I calendari secondari e la delega sono supportati o, se non sono supportati, sono gestiti in modo controllato. Ad esempio, la creazione di conferenze non riuscita se l'utente seleziona un altro calendario a cui ha accesso in modifica durante la creazione di un evento.
    • Gli eventi ricorrenti funzionano correttamente.
    • Se il componente aggiuntivo utilizza calendar.conferenceSolution, viene fornita almeno una soluzione per le conferenze.
    • Se il componente aggiuntivo fornisce soluzioni di conferenza, vengono utilizzati i campi dati appropriati. Ad esempio, i link alle videoconferenze, i numeri di telefono, i link SIP, i codici di accesso e altri attributi supportati utilizzano campi di dati strutturati e non sono forniti nel campo delle note.
    • Se il componente aggiuntivo fornisce soluzioni per conferenze, modifica solo i dettagli della conferenza e nessun altro campo evento.
    • Se il componente aggiuntivo fornisce soluzioni di conferenza, la creazione della conferenza richiede meno di 5 secondi.
    (Componenti aggiuntivi di Gmail)
    • Se il componente aggiuntivo utilizza UrlFetchApp o OpenLinkUrl:
      • L'URL è valido.
      • L'URL utilizza HTTPS non HTTP.
      • È stato specificato il dominio completo.
      • Il percorso non è vuoto. Ad esempio, https://altostrat/ va bene, ma https://altostrat non lo è.
      • Non è possibile utilizzare i caratteri jolly in UrlFetchApp.
Componente aggiuntivo di Google Workspace Esperienza utente
  • Il componente aggiuntivo ha una home page. Se il componente aggiuntivo di Google Workspace è un componente aggiuntivo di Gmail convertito, viene applicata la home page predefinita.
  • La scheda aggiuntiva funzioni correttamente. Ad esempio, non sono presenti schede duplicate: i pulsanti Indietro, Aggiorna e Aggiorna funzionano di conseguenza.
  • Una volta autorizzato l'utente, il componente aggiuntivo mostra una scheda home page personalizzata per dare il benvenuto all'utente con un pulsante per l'accesso (se necessario), un logo e una breve descrizione.
    • Se il pulsante di accesso viene attivato, viene visualizzata una pagina di accesso personalizzata del fornitore di terze parti che indica chiaramente che è disponibile un servizio di terze parti al di fuori di Google Workspace.
  • L'UI del componente aggiuntivo si adatta perfettamente agli spazi assegnati:
    • Il testo e le etichette non vengono troncati con "..".
    • L'utente non deve scorrere molto in verticale.
    • La larghezza dei contenuti non si estende oltre 300p in modo che non sia presente una barra di scorrimento orizzontale.
  • Il codice del componente aggiuntivo non utilizza eccessivamente le librerie perché questo potrebbe comportare la perdita di prestazioni.
(Componenti aggiuntivi di Calendar)
  • Se il componente aggiuntivo fornisce soluzioni di conferenza, le conferenze create sono valide e visualizzate correttamente sul sito web di terze parti.
(Componenti aggiuntivi di Drive)
  • Se l'app archivia i file su Drive, consente agli utenti di scegliere una cartella o di creare e riutilizzare una cartella specifica dell'app. I dati di configurazione possono essere archiviati in una cartella Dati dell'app. L'app non scarica i file nella cartella Il mio Drive dell'utente.
  • Il componente aggiuntivo archivia solo i file su Drive collegati alla funzionalità documentata del componente aggiuntivo.
(Componenti aggiuntivi di Gmail)
  • Il componente aggiuntivo non menziona né rimanda alle estensioni di Chrome senza giustificazione.
  • Il menu Altre azioni contiene azioni universali che funzionano correttamente. Ad esempio, Esci, Informazioni, Assistenza e così via.
Componente aggiuntivo di Google Workspace Elementi grafici (Componenti aggiuntivi di Calendar)
  • Il logo della soluzione per conferenze è un URL pubblico. Vedi Fornire i loghi delle soluzioni per conferenze.
  • Se il componente aggiuntivo utilizza calendar.conferenceSolution, il logo della soluzione per conferenze segue i requisiti calendar.logoUrl. Vedi Risorsa manifest Calendar.
  • Se il componente aggiuntivo utilizza calendar.logoUrl o common.logoUrl, il logo è identico all'icona fornita nella scheda dell'app.
  • Se il componente aggiuntivo utilizza calendar.logoUrl o common.logoUrl, l'URL del logo inizia come segue: https://lh3.googleusercontent.com/
Componente aggiuntivo di Google Workspace OAuth (Componenti aggiuntivi di Drive)
  • (Consigliato) Se vuoi ricevere metadati limitati, il componente aggiuntivo include l'ambito drive.addons.metadata.readonly.
App web Funzionalità
  • L'URL di navigazione universale rimanda a un'app web. Una semplice pagina web senza funzionalità non è considerata un'app web.