Set di dati

I set di dati sono più facili da trovare quando fornisci informazioni di supporto come il nome, la descrizione, l'autore e i formati di distribuzione sotto forma di dati strutturati. L'approccio di Google al rilevamento di set di dati utilizza schema.org e altri standard di metadati inseribili nelle pagine che descrivono i set di dati. Lo scopo di questo markup è migliorare il rilevamento dei set di dati in settori come le scienze biologiche, le scienze sociali, il machine learning, i dati civici e amministrativi e altri ancora. Puoi trovare i set di dati utilizzando lo strumento Ricerca per set di dati.

Esempio di Ricerca per set di dati

Di seguito sono riportati alcuni esempi di ciò che può essere considerato un set di dati:

  • Una tabella o un file CSV contenente alcuni dati
  • Una raccolta organizzata di tabelle
  • Un file in un formato proprietario che contiene dati
  • Una raccolta di file che insieme costituiscono un set di dati significativo
  • Un oggetto strutturato con dati in un altro formato che potresti voler caricare in uno speciale strumento per l'elaborazione
  • Dati di acquisizione delle immagini
  • File relativi al machine learning, quali parametri addestrati o definizioni di strutture di rete neurale
  • Tutto ciò che ritieni sia un set di dati

Come aggiungere dati strutturati

I dati strutturati sono un formato standardizzato per fornire informazioni su una pagina e classificarne i contenuti. Se non li hai mai utilizzati, leggi ulteriori informazioni su come funzionano i dati strutturati.

Ecco una panoramica su come creare, testare e rilasciare i dati strutturati. Per una guida passo passo su come aggiungere dati strutturati a una pagina web, consulta il codelab sui dati strutturati.

  1. Aggiungi le proprietà richieste. Per informazioni su dove inserire i dati strutturati nella pagina, guarda il video JSON-LD structured data: Where to insert on the page.
  2. Segui le linee guida.
  3. Convalida il codice utilizzando il test dei risultati multimediali.
  4. Esegui il deployment di alcune pagine che includono dati strutturati e utilizza lo strumento Controllo URL per verificare come Google vede la pagina. Assicurati che la pagina sia accessibile per Google e che non venga bloccata da file robots.txt, tag noindex o requisiti di accesso. Se la pagina non sembra presentare problemi, puoi chiedere a Google di ripetere la scansione degli URL.
  5. Per tenere Google informata delle future modifiche, ti consigliamo di inviare una Sitemap. Puoi automatizzare questa operazione con l'API Search Console Sitemap.

Eliminare un set di dati dai risultati di Ricerca per set di dati

Se preferisci che un set di dati non venga visualizzato nei risultati di Ricerca per set di dati, usa il meta tag robots per gestirne la modalità di indicizzazione. Tieni presente che potrebbe essere necessario un po' di tempo (giorni o settimane, a seconda della pianificazione di scansione) per applicare le modifiche in Ricerca per set di dati.

Il nostro approccio al rilevamento di set di dati

Siamo in grado di comprendere i dati strutturati nelle pagine web relativi ai set di dati utilizzando il markup Dataset di schema.org o le strutture equivalenti rappresentate nel formato Data Catalog Vocabulary (DCAT) di W3C. Stiamo inoltre esaminando il supporto sperimentale dei dati strutturati basati su CSVW di W3C e prevediamo di sviluppare e adattare il nostro approccio quando emergeranno le best practice per la descrizione dei set di dati. Per ulteriori informazioni sul nostro approccio al rilevamento di set di dati, consulta la pagina su come facilitare il rilevamento dei set di dati.

Esempi

Ecco un esempio di set di dati in cui vengono usati il codice JSON-LD e la sintassi di schema.org (opzione preferita) nel Test dei risultati multimediali. Lo stesso vocabolario di schema.org può essere usato anche nelle sintassi RDFa 1.1 o Microdati. Puoi anche usare il vocabolario DCAT di W3C per descrivere i metadati. L'esempio seguente si basa sulla descrizione di un set di dati reale.

JSON-LD

Ecco un esempio di set di dati in formato JSON-LD:


  <html>
  <head>
    <title>NCDC Storm Events Database</title>
    <script type="application/ld+json">
    {
      "@context":"https://schema.org/",
      "@type":"Dataset",
      "name":"NCDC Storm Events Database",
      "description":"Storm Data is provided by the National Weather Service (NWS) and contain statistics on...",
      "url":"https://catalog.data.gov/dataset/ncdc-storm-events-database",
      "sameAs":"https://gis.ncdc.noaa.gov/geoportal/catalog/search/resource/details.page?id=gov.noaa.ncdc:C00510",
      "identifier": ["https://doi.org/10.1000/182",
                     "https://identifiers.org/ark:/12345/fk1234"],
      "keywords":[
         "ATMOSPHERE > ATMOSPHERIC PHENOMENA > CYCLONES",
         "ATMOSPHERE > ATMOSPHERIC PHENOMENA > DROUGHT",
         "ATMOSPHERE > ATMOSPHERIC PHENOMENA > FOG",
         "ATMOSPHERE > ATMOSPHERIC PHENOMENA > FREEZE"
      ],
      "license" : "https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0/",
      "hasPart" : [
        {
          "@type": "Dataset",
          "name": "Sub dataset 01",
          "description": "Informative description of the first subdataset...",
          "license" : "https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0/"
        },
        {
          "@type": "Dataset",
          "name": "Sub dataset 02",
          "description": "Informative description of the second subdataset...",
          "license" : "https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0/"
        }
      ],
      "creator":{
         "@type":"Organization",
         "url": "https://www.ncei.noaa.gov/",
         "name":"OC/NOAA/NESDIS/NCEI > National Centers for Environmental Information, NESDIS, NOAA, U.S. Department of Commerce",
         "contactPoint":{
            "@type":"ContactPoint",
            "contactType": "customer service",
            "telephone":"+1-828-271-4800",
            "email":"ncei.orders@noaa.gov"
         }
      },
      "includedInDataCatalog":{
         "@type":"DataCatalog",
         "name":"data.gov"
      },
      "distribution":[
         {
            "@type":"DataDownload",
            "encodingFormat":"CSV",
            "contentUrl":"http://www.ncdc.noaa.gov/stormevents/ftp.jsp"
         },
         {
            "@type":"DataDownload",
            "encodingFormat":"XML",
            "contentUrl":"http://gis.ncdc.noaa.gov/all-records/catalog/search/resource/details.page?id=gov.noaa.ncdc:C00510"
         }
      ],
      "temporalCoverage":"1950-01-01/2013-12-18",
      "spatialCoverage":{
         "@type":"Place",
         "geo":{
            "@type":"GeoShape",
            "box":"18.0 -65.0 72.0 172.0"
         }
      }
    }
    </script>
  </head>
  <body>
  </body>
</html>
RDFa

Ecco un esempio di set di dati in formato RDFa in cui viene usato il vocabolario DCAT:


<article about="/node/1234" typeof="dcat:Dataset">
    <dl>
      <dt>Name:</dt>
      <dd property="dc:title">ACME Inc Cash flow data</dd>
      <dt>Identifiers:</dt>
      <dd property="dc:identifier">https://doi.org/10.1000/182</dd>
      <dd property="dc:identifier">https://identifiers.org/ark:/12345/fk1234</dd>
      <dt>Description:</dt>
      <dd property="dc:description">Financial Statements - Consolidated Statement of Cash Flows</dd>
      <dt>Category:</dt>
      <dd rel="dc:subject">Financial</dd>
      <dt class="field-label">Downloads:</dt>
      <dd>
        <ul>
          <li>
            <a rel="dcat:distribution" href="Consolidated_Statement_of_Cash_Flows_en.csv"><span property="dcat:mediaType" content="text/csv" >Consolidated_Statement_of_Cash_Flows_en.csv</span></a>
          </li>
         <li>
            <a rel="dcat:distribution"  href="files/Consolidated_Statement_of_Cash_Flows_en.xls"><span property="dcat:mediaType" content="application/vnd.ms-excel">Consolidated_Statement_of_Cash_Flows_en.xls</span></a>
          </li>
          <li>
            <a rel="dcat:distribution"  href="files/consolidated_statement_of_cash_flows_en.xml"><span property="dcat:mediaType" content="application/xml">consolidated_statement_of_cash_flows_en.xml</span></a>
          </li>
        </ul>
      </dd>
    </dl>
  </article>

Linee guida

I siti dovrebbero seguire le linee guida sui dati strutturati. Oltre alle linee guida sui dati strutturati, ti consigliamo di attenerti alle best practice relative a Sitemap e fonte e provenienza elencate di seguito.

Best practice relative a Sitemap

Utilizza un file Sitemap per consentire a Google di trovare i tuoi URL. L'utilizzo dei file Sitemap e del markup sameAs consente di documentare la modalità di pubblicazione delle descrizioni dei set di dati in tutto il sito.

Se disponi di un repository di set di dati, è probabile che tu abbia almeno due tipi di pagine: le pagine canoniche ("di destinazione") per ciascun set di dati e le pagine che elencano più set di dati (ad esempio, risultati di ricerca o alcuni sottoinsiemi di dati). Ti consigliamo di aggiungere dati strutturati relativi a un set di dati alle pagine canoniche. Utilizza la proprietà sameAs per rimandare alla pagina canonica se aggiungi dati strutturati a più copie del set di dati, ad esempio schede nelle pagine dei risultati di ricerca.

Best practice relative a fonte e provenienza

È abbastanza comune che i set di dati aperti vengano ripubblicati, aggregati e basati su altri set di dati. Si tratta di uno schema iniziale del nostro approccio alla rappresentazione di situazioni in cui un set di dati è la copia di un altro set di dati o è basato su quest'ultimo.

  • Utilizza la proprietà sameAs per indicare gli URL più canonici per l'originale nei casi in cui il set di dati (o la descrizione) sia una semplice ripubblicazione di materiali pubblicati altrove. Il valore di sameAs deve indicare in modo univoco l'identità del set di dati. In altre parole, due set di dati diversi non devono utilizzare lo stesso URL come valore di sameAs.
  • Utilizza la proprietà isBasedOn nei casi in cui il set di dati ripubblicato (inclusi i relativi metadati) è stato modificato in modo significativo.
  • Quando un set di dati deriva da diversi originali o li aggrega, utilizza la proprietà isBasedOn.
  • Utilizza la proprietà identifier per collegare eventuali identificatori di oggetti digitali (DOI) o identificatori compatti pertinenti. Se il set di dati ha più identificatori, ripeti la proprietà identifier. Se usi il formato JSON-LD, viene usata la sintassi degli elenchi JSON.

Ci auguriamo di migliorare i nostri consigli in base ai feedback ricevuti, in particolare quelli relativi alla descrizione di provenienza, a controllo delle versioni e alle date associate alla pubblicazione in una serie temporale. Unisciti anche tu alle discussioni della community.

Consigli relativi alle proprietà di testo

Ti consigliamo di limitare tutte le proprietà di testo a 5000 caratteri o meno. Ricerca Google per set di dati utilizza solo i primi 5000 caratteri di qualsiasi proprietà di testo. Nomi e titoli sono in genere costituiti da poche parole o una breve frase.

Errori e avvisi noti

Potresti riscontrare errori o avvisi nello Strumento di test per i dati strutturati di Google e in altri sistemi di convalida. In particolare, i sistemi di convalida possono suggerire alle organizzazioni di avere informazioni di contatto che includano un contactType; i valori utili includono customer service, emergency, journalist, newsroom e public engagement. Puoi anche ignorare gli errori relativi a csvw:Table identificato come valore imprevisto per la proprietà mainEntity.

Definizioni dei tipi di dati strutturati

Affinché i tuoi contenuti siano idonei per essere visualizzati come risultato multimediale, devi includere le proprietà obbligatorie. Puoi anche includere le proprietà consigliate per aggiungere ulteriori informazioni sui tuoi contenuti, fornendo così un'esperienza utente migliore.

È possibile utilizzare lo Strumento di test per i dati strutturati per convalidare il markup.

L'attenzione si concentra sulla descrizione di informazioni relative a un set di dati (i relativi metadati) e sulla rappresentazione dei relativi contenuti. Ad esempio, i metadati del set di dati indicano di cosa tratta il set di dati, quali variabili misura, chi lo ha creato e così via, ma non, ad esempio, i valori specifici delle variabili.

Dataset

La definizione completa di Dataset è disponibile all'indirizzo schema.org/Dataset.

Puoi descrivere ulteriori informazioni sulla pubblicazione del set di dati, ad esempio la licenza, quando è stato pubblicato, il relativo DOI o un valore sameAs che rimanda a una versione canonica del set di dati in un repository diverso. Aggiungi identifier, license e sameAs per i set di dati che forniscono informazioni sulla provenienza e sulla licenza.

Proprietà obbligatorie
description Text

Un breve riassunto che descrive un set di dati.

Linee guida

  • Il riepilogo deve avere una lunghezza compresa tra 50 e 5000 caratteri.
  • Il riepilogo può includere la sintassi Markdown. Le immagini incorporate devono utilizzare URL di percorso assoluti (anziché percorsi relativi).
  • Quando utilizzi il formato JSON-LD, indica le nuove righe con \n (due caratteri: barra rovesciata e lettera "n" minuscola).
name Text

Un nome descrittivo di un set di dati. Ad esempio, "La profondità della neve nell'emisfero settentrionale".

Linee guida

  • Se possibile, usa nomi univoci per set di dati distinti.
  • Consigliati: "Snow depth in the Northern Hemisphere" and "Snow depth in the Southern Hemisphere" per due set di dati diversi.

    Sconsigliati: "Snow depth" e "Snow depth" per due set di dati diversi.

Proprietà consigliate
alternateName Text

Nomi alternativi che sono stati utilizzati per fare riferimento a questo set di dati, come alias o abbreviazioni. Esempio (nel formato JSON-LD):


"name": "The Quick, Draw! Dataset"
"alternateName": ["Quick Draw Dataset", "quickdraw-dataset"]
creator Person o Organization

Il creatore o l'autore del set di dati. Per identificare in modo univoco le persone, usa il valore ORCID ID per la proprietà sameAs del tipo Person. Per identificare in modo univoco istituti e organizzazioni, usa ROR ID. Esempio (nel formato JSON-LD):


"creator": [
    {
        "@type": "Person",
        "sameAs": "http://orcid.org/0000-0000-0000-0000",
        "givenName": "Jane",
        "familyName": "Foo",
        "name": "Jane Foo"
    },
    {
        "@type": "Person",
        "sameAs": "http://orcid.org/0000-0000-0000-0001",
        "givenName": "Jo",
        "familyName": "Bar",
        "name": "Jo Bar"
    },
    {
        "@type": "Organization",
        "sameAs": "http://ror.org/xxxxxxxxx",
        "name": "Fictitious Research Consortium"
    }
]
citation Text o CreativeWork

Identifica gli articoli accademici consigliati dal fornitore di dati citati in aggiunta al set di dati stesso. Fornisci la citazione per il set di dati stesso con altre proprietà come name, identifier, creator e publisher. Ad esempio, questa proprietà può identificare in modo univoco una pubblicazione accademica correlata, ad esempio un descrittore di dati, un documento di dati o un articolo per il quale questo set di dati è un materiale supplementare. Esempi (nel formato JSON-LD):


"citation": "https://doi.org/10.1111/111"

"citation": "https://identifiers.org/pubmed:11111111"

"citation": "https://identifiers.org/arxiv:0111.1111v1"

"citation":
 "Doe J (2014) Influence of X ... https://doi.org/10.1111/111"

Linee guida aggiuntive

  • Non utilizzare questa proprietà per fornire informazioni sulle citazioni per il set di dati stesso. Il suo scopo è identificare gli articoli accademici correlati, non il set di dati stesso. Per fornire le informazioni necessarie per citare il set di dati stesso, utilizza invece i campi name, identifier, creator e publisher.
  • Quando compili la proprietà citazione con uno snippet di citazione, fornisci l'identificatore dell'articolo, ad esempio un DOI, quando possibile.

    Consigliato: "Doe J (2014) Influence of X. Biomics 1(1). https://doi.org/10.1111/111"

    Non consigliato: "Doe J (2014) Influence of X. Biomics 1(1)."

hasPart o isPartOf URL o Dataset

Se il set di dati è una raccolta di set di dati più piccoli, utilizza la proprietà hasPart per indicare tale relazione. Al contrario, se il set di dati fa parte di un set di dati più grande, utilizza isPartOf. Entrambe le proprietà possono assumere la forma di un URL o di un'istanza Dataset. Nel caso in cui Dataset venga utilizzato come valore, deve includere tutte le proprietà richieste per un valore autonomo di Dataset. Esempi:


"hasPart" : [
  {
    "@type": "Dataset",
    "name": "Sub dataset 01",
    "description": "Informative description of the first subdataset...",
    "license" : "https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0/"
  },
  {
    "@type": "Dataset",
    "name": "Sub dataset 02",
    "description": "Informative description of the second subdataset...",
    "license" : "https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0/"
  }
]

"isPartOf" : "https://example.com/aggregate_dataset"
identifier URL, Text o PropertyValue

Un identificatore, ad esempio DOI o Compact Identifier. Se il set di dati contiene più identificatori, ripeti la proprietà identifier. Se usi il formato JSON-LD, viene usata la sintassi degli elenchi JSON.

keywords Text

Le parole chiave che riassumono il set di dati.

license URL o CreativeWork

Una licenza con cui il set di dati viene distribuito. Ad esempio:


"license" : "https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0/"

"license" : {
  "@type": "CreativeWork",
  "name": "Custom license",
  "url": "https://example.com/custom_license"
  }

Linee guida aggiuntive

  • Fornisci un URL che identifichi in modo univoco una versione specifica della licenza utilizzata.

    Consigliato

    
    "license" : "https://creativecommons.org/licenses/by/4.0"

    Sconsigliato

    
    "license" : "https://creativecommons.org/licenses/by"
measurementTechnique Text o URL

La tecnica, la tecnologia o la metodologia utilizzate in un set di dati, che possono corrispondere alle variabili descritte in variableMeasured.

sameAs URL

L'URL di una pagina web di riferimento che indica in modo univoco l'identità del set di dati.

spatialCoverage Text o Place

Puoi fornire un singolo punto che descrive l'aspetto spaziale del set di dati. Includi questa proprietà solo se il set di dati ha una dimensione spaziale. Ad esempio, un singolo punto in cui sono state raccolte tutte le misurazioni o le coordinate di un riquadro di delimitazione per un'area.

Punti


"spatialCoverage:" {
  "@type": "Place",
  "geo": {
    "@type": "GeoCoordinates",
    "latitude": 39.3280,
    "longitude": 120.1633
  }
}

Forme

Utilizza GeoShape per descrivere aree di forme diverse. Ad esempio, per specificare un riquadro di delimitazione.


"spatialCoverage:" {
  "@type": "Place",
  "geo": {
    "@type": "GeoShape",
    "box": "39.3280 120.1633 40.445 123.7878"
  }
}

I punti all'interno delle proprietà box, circle, line o polygon devono essere espressi come una coppia di due valori separati da uno spazio, corrispondenti alla latitudine e longitudine (in questo ordine).

Località con nome


"spatialCoverage:" "Tahoe City, CA"
temporalCoverage Text

I dati nel set di dati riguardano un intervallo di tempo specifico. Includi questa proprietà solo se il set di dati ha una dimensione temporale. Schema.org utilizza lo standard ISO 8601 per descrivere intervalli di tempo e punti temporali. Puoi descrivere le date in modo diverso a seconda dell'intervallo del set di dati. Indica intervalli aperti con due puntini (..).

Data unica


"temporalCoverage" : "2008"

Periodo di tempo


"temporalCoverage" : "1950-01-01/2013-12-18"

Periodo di tempo aperto


"temporalCoverage" : "2013-12-19/.."
variableMeasured Text o PropertyValue

La variabile misurata da questo set di dati. Ad esempio, temperatura o pressione.

version Text o Number

Il numero di versione del set di dati.

url URL

Posizione di una pagina che descrive il set di dati.

DataCatalog

La definizione completa di DataCatalog è disponibile all'indirizzo schema.org/DataCatalog.

I set di dati sono spesso pubblicati in repository che contengono molti altri set di dati. Uno stesso set di dati può essere incluso in più di un repository. Puoi fare riferimento a un catalogo dati a cui appartiene questo set di dati facendovi direttamente riferimento.

Proprietà consigliate
includedInDataCatalog DataCatalog

Il catalogo a cui appartiene il set di dati.

DataDownload

La definizione completa di DataDownload è disponibile all'indirizzo schema.org/DataDownload. Oltre alle proprietà per set di dati, aggiungi le seguenti proprietà per set di dati che offrono opzioni di download.

La proprietà distribution descrive come ottenere il set di dati stesso perché l'URL punta spesso alla pagina di destinazione che descrive il set di dati. La proprietà distribution descrive da dove scaricare i dati e in quale formato. Questa proprietà può avere diversi valori: ad esempio, la versione CSV è disponibile a un URL e la versione Excel è disponibile a un altro URL.

Proprietà obbligatorie
distribution.contentUrl URL

Il link per il download.

Proprietà consigliate
distribution DataDownload

La descrizione della posizione per il download del set di dati e il formato file per il download.

distribution.encodingFormat Text o URL

Il formato file della distribuzione.

Set di dati tabulari

Un set di dati tabulare è organizzato principalmente in termini di una griglia di righe e colonne. Per le pagine che incorporano set di dati tabulari, puoi anche creare un markup più esplicito, basandoti sull'approccio di base descritto sopra. Al momento siamo a conoscenza di una variazione di CSVW ("CSV sul Web", vedi W3C), offerta in parallelo ai contenuti tabulari per l'utente nella pagina HTML.

Ecco un esempio che mostra una piccola tabella codificata in formato JSON-LD CSVW. Sono presenti alcuni errori noti nel Test dei risultati multimediali.

Monitorare i risultati multimediali con Search Console

Search Console è uno strumento che consente di monitorare il rendimento delle tue pagine in Ricerca Google. Registrarsi in Search Console non è obbligatorio per essere inclusi nei risultati di Ricerca Google, ma può aiutarti a capire e migliorare il modo in cui Google vede il tuo sito. Ti consigliamo di controllare Search Console nei seguenti casi:

  1. Dopo aver effettuato il deployment dei dati strutturati per la prima volta
  2. Dopo aver rilasciato nuovi modelli o aggiornato il codice
  3. Analisi periodica del traffico

Dopo aver effettuato il deployment dei dati strutturati per la prima volta

Dopo che Google ha indicizzato le tue pagine, cerca i problemi utilizzando il rapporto sullo stato dei risultati multimediali pertinente. Idealmente, dovresti notare un aumento delle pagine e nessun aumento di errori o avvisi. Se riscontri problemi nei dati strutturati:

  1. Correggi gli errori.
  2. Controlla un URL pubblicato per verificare se il problema persiste.
  3. Richiedi la convalida utilizzando il rapporto sullo stato.

Dopo aver rilasciato nuovi modelli o aggiornato il codice

Quando apporti modifiche significative al tuo sito web, monitora l'aumento degli errori e degli avvisi relativi ai dati strutturati.
  • Se vedi un aumento di errori, forse hai implementato un nuovo modello non funzionante oppure il tuo sito interagisce con il modello esistente in modo nuovo ma non corretto.
  • Se noti una diminuzione degli elementi validi (non associata a un aumento degli errori), forse non stai più incorporando dati strutturati nelle tue pagine. Utilizza lo strumento Controllo URL per scoprire la causa del problema.

Analisi periodica del traffico

Analizza il traffico di Ricerca Google utilizzando il rapporto sul rendimento. I dati mostrano la frequenza con cui la pagina viene visualizzata nei risultati multimediali in Ricerca, la frequenza con cui gli utenti fanno clic su di essa e qual è la posizione media che visualizzi nei risultati di ricerca. Puoi anche estrarre automaticamente questi risultati con l'API Search Console.

Risolvere i problemi

Se hai difficoltà con l'implementazione dei dati strutturati, ecco alcune risorse che potrebbero esserti utili.

Il set di dati specifico non viene visualizzato nei risultati di Ricerca per set di dati

Che cosa ha causato il problema: il sito non ha dati strutturati nella pagina che descrive i set di dati oppure non è stata ancora eseguita la scansione della pagina.

Risolvere il problema

  1. Copia il link della pagina che ti aspetti di vedere nei risultati di Ricerca per set di dati e inseriscilo nel Test dei risultati multimediali. Se viene visualizzato il messaggio "La pagina non è idonea per i risultati multimediali rilevati da questo test" o "Non tutto il markup è idoneo per i risultati multimediali", significa che la pagina non contiene alcun markup Set di dati oppure che il markup è sbagliato. Puoi risolvere il problema, fai riferimento alla sezione Come aggiungere dati strutturati.
  2. Se la pagina include markup, è possibile che non sia stata ancora sottoposta a scansione. Puoi controllare lo stato della scansione con Search Console.

Manca il logo dell'azienda oppure non viene visualizzato correttamente insieme ai risultati

Che cosa ha causato il problema: nella pagina potrebbe mancare il markup schema.org relativo ai loghi delle organizzazioni oppure non hai stabilito le informazioni della tua attività su Google.

Risolvere il problema

  1. Aggiungi i dati strutturati per i loghi alla tua pagina.
  2. Stabilisci le informazioni della tua attività su Google.